venerdì 5 agosto 2011

Ci pinsi ? ( Salvatore,Ti ricordi? )

DA ***La mia poesia*** di Salvatore Casales

Caltanissetta C.so Umberto I°



Ci pinsi ?

Tatò ,ci pinsi alla sira do 5 Agustu

quannu ivamu a lu Redenturi

a mangiarini la pizza e lu muluni russu?

Ci pinsi Tato,’a chidd' acchianata a pedi

finu a la chisulidda ? Quanta genti ca ci iva… ;

o pi’ prumissa o pi truvari la zzita.

Chidda era la vera festa du Signuri

e,cu Tato’ si chiamava ricivia li riala

di li parenti sua.

Quantu timpu è passatu..… Tatò ,

quantu ridiri ca ni facivamu cu ll’amici e…,

senza pinsera, na ddivirtivamu cu na scorcia di muluni.

E ni vulivamu beni ; e ppi daveru e,

senza pinsera e cu picca sordi eramu felici

di stari ccu l’amici veri .

Ora ca tantu timpu è passatu,

picca genti ’anuranu sta festa, ca sempri è mpurtanti,

ma tanti oramai sunu divintati cchiu’’ distanti.

Sulu lu Redentori è sempri ddà , superbu e dirittu

a sfidari li mutamenti di li timpi e di la genti

ca l’anura picchì ci teni o… picchì la tradizioni lu voli ancora.

Puru la cchianata è sempri a stissa,

e sempre a lu scuru, quasi quasi pa’ mmucciari

la munnizza e dd’ antenni ca tantu dannu fannu a la genti .-

Ci pinsi tatò ?


Aaronn


P.s. Pongo in sospensione la redazione di questo blog, per andare anch'io in vacanza .Ringrazio tutti coloro che ,con pazienza, mi hanno letto ,seguito,commentato.Se un mio scritto ha urtato la suscettibilità di qualcuno,me ne scuso,non ne avevo l'intenzione.
Torno a Settembre,se Dio ed io lo vorremo.
Affettuosità e buone vacanze a tutti,ma soprattutto serenità ,sale indispensabile di ogni buon cibo e della vita.
Sottoscrivi con Bloglines

Nessun commento: